Chi siamo

La storia delle nostre radici affondate nel cuore dell' accoglienza in versilia e i racconti di un nonno leggendario

maglia rosa. ma anche blu


hotel in costruzione vista mare pineta 

Da pochi giorni ha preso il via il giro d'Italia, fra polemiche, stelle filanti e gloriose speranze. Si dice che questo giro rimarrà nella storia.
Si dice anche che dal prossimo anno tornerà a toccare la nostra Versilia. Che ne ha di storie da raccontare.
Quella che viene in mente a me, è una storia semplice, un racconto di vicende umane, che non leggerete mai su wikipedia- una mia piccola storia familiare ma che nel mio animo è leggenda.

Era il maggio 1958, i più grandi e famosi ciclisti del mondo attraversavano l'Italia e si fermavano per tre giorni nella scintillante Versilia.
Mio nonno inaugurava il Bixio, nello stesso mese di quell' anno. Era il terzo albergo che apriva e l'unico a cui ha voluto dare il suo nome. Fra gli sberleffi di conoscenti e colleghi, fra l'altro :
'Il Donati ha comprato il terreno per fare il parcheggio ai nostri clienti' oppure 'Il Donati s'è messo a costruire fra le bodde' ... ed in effetti, il nonno aveva venduto un albergo a Forte dei Marmi, in piazza, in pieno centro e si era rimesso a viaggiare col camion su e giù per l' Italia, per comprare un terreno in quelli che allora erano i margini di una località di cui manco si conosceva il nome e costruire da zero un 'ristorante con camere'.

Ma dalla piazza non vedeva il mare. E questo è quanto.

Al Bixio si, lo vedeva il mare. E vedeva sfilare la kermesse dei grandi ciclisti del tempo, grandi sportivi, leggende viventi e persone semplici.
Ecco, Bixio era una persona di quelle che fermo e bono non sapeva stare. Un giorno alza il telefono – già perchè tra le amenità del suo nuovo albergo c'era il telefono in tutte le camere!- e chiama la redazione della Gazzetta dello Sport.
- Buongiorno
- Buongiorno
- Sono Bixio Donati, titolare di un hotel moderno dotato di tutti i confort nella riviera della Versilia, con la vista mare.
- si...?!
-Volevo mettere in palio un premio per il Giro d' Italia
- ma guardi...
- Una settimana in pensione completa. Per l' ULTIMO CLASSIFICATO. Lui e tutta la sua famiglia.

Quel ciclista, nonostante il suo impegno e il suo sudore, negli albi d'oro non è entrato. Ma una settimana a pensione completa con vista mare se l'è meritata e goduta!

pastasciutta nel cappello

Immaginate una oziosa domenica di calura in un paese di campagna qualsiasi nel dopoguerra. Immaginate un' Italia che non è in guerra, ma ancora non sa divertirsi. Immaginate una corte lastricata, le sedie impagliate appoggiate al muro di fianco alle porte, tendoni verdi fissati agli ingressi creano qualche centimetro d'ombra ondeggiante. Qualcuno va alla messa, ma neanche tutti. Qualcuno parla del governo ladro, ma neanche tanti. Molti sonnecchiano. Immaginate un monte prospicente il paese, che se ci si arrampica sulla punta e ci si gira verso il mare, lo sguardo cade proprio nella piazza, nelle corti, sulle sedie occupate da stanche mebra annoiate. Ora in questa scenario aggiungete un giovanottone irrequieto che più di ogni altra cosa ha in uggia l'uggia e l'ozio, in una Italia tutta da inventare, che si incammina su per il monte carico di strani oggetti, si intravede un pentolone sotto il braccio, una paglietta in testa, seguito da due donne -fedeli ma dubbiose- che si scambiano sguardi interrogativi. Arrivato in cima accende il fuoco, tira fuori un megafono dal suo ciottolame e si sporge: 'GENTE! LA PASTASCIUTTA è COTTA! ACCORRETE!' l'ultima vocale non aveva ancora finito di sibilargli in bocca che con suo stesso stupore vede le sedie scivolare stridenti indietro, sospinte da polpacci tesi pronti a scattare, come se non aspettassero altro che essere scossi dal loro torpore. Il luccichio negli occhi, il sorriso beffardo, butta la pasta nel pentolone che ribolle, tira fuori un contenitore di metallo cilindrico da cui appare una rossa polpa profumata, si vedeno teste sul sentiero che procedono lente ma regolari, 'LEDA PASSAMI IL COLAPASTA!' - 'Il colapasta??? ma non l' hai preso te?' le prime persone, le più giovani e affamate, appaiono nel suo orizzonte, si porta le mani alla testa, in segno di resa. O forse no. 'IL CAPPELLO, LEDA, IL CAPPELLO! AIUTAMI, SVELTA!' e ride. Vi presento Bixio e la sua prima esperienza nella ristorazione. Chi c'era assicura che quella è stata una memorabile giornata di convivialità.

Non so se riusciremo ad eguagliarla- ma vi prometto che ce la metteremo tutta. E anche se il colapasta l'abbiamo comprato, i geni sono quelli ;) Iniziamo a festeggiare insieme i 60 anni dall'inaugurazione con un bel pranzo conviviale, come piacerebbe a Lui.

Galleria foto

Altre info

3 motivi per scegliere il nostro hotel
Leggi di più +

3 motivi per scegliere il nostro hotel

Vogliamo darvi 3 validi motivi per cui vale la pena scegliere il nostro hotel a Lido di Camaiore nella costa della Versilia.

Accessibilità
Leggi di più +

Accessibilità

Hotel Bixio a Lido di Camaiore è accessibile ai diversamente abili. Il nostro albergo inoltre è situatato a meno di un km dall'Ospedale Versilia.

Prenota adesso il tuo soggiorno a Lido di Camaiore.

A pochi metri dalle splendide spiagge della Versilia.
OFFERTE SPECIALI DISPONIBILI

Consulta le nostre offerte speciali per dormire in Versilia
Vedi le nostre offerte

TOP